Home

Il profumo percorre vie molto personali e non è sempre stato solo uno strumento di seduzione. Nei codici comunicativi odierni è infatti associato soprattutto all’estetica e alla sensualità seduttiva. Ne è testimone l’ampia gamma di prodotti sul mercato a cui fa riferimento una grande produzione pubblicitaria. Donne e uomini bellissimi, seducenti, con sguardi spesso distaccati e sognanti, le cui cifre comunicative, verbali e non, indicano il mistero, l’irraggiungibilità, e al contempo la grazia suprema e la sensualità più intensa. 
Il profumo anche per questo è un enorme business, legato alla cosmesi e alla moda naturalmente, e manprofumo lutens alanuittiene solo molto parzialmente il legame con le proprie origini.

profumo antico_egitto

Il profumo nasce infatti già sematicamente come prodotto ma soprattutto pratica con molteplici funzioni. Dalle testimonianze delle antiche civiltà mesopotamiche, egizie, greche, romane, etc., il profumo è infatti “per fumum”, fumigazione realizzata attraverso resine e legni odorosi offerta alla divinità. Ma gli stessi odori furono anche strumento di guarigione perché resine, piante, legni e loro relative essenze si scopre che hanno una funzione terapeutica, anzi aromaterapeutica come si direbbe oggi con gli oli essenziali. Ma fu contestuale anche l’utilizzo estetico delle stesse sostanze odorose, spesso preziosi e costosi privilegi delle sole classi aristocratiche e sacerdotali. Inizialmente nessuna separazione quindi tra usi religiosi, terapeutici ed estetici, come poi è accaduto.

Ma è molto interessante considerare come oggi si tenda al recupero delle antiche integrità, forse per compensare la frammentazione psicologica quale risultato delle richieste culturali e sociali odierne, ma certamente soprattutto perché sono ormai emersi in tante persone una nuova sensibilità e nuovi bisogni. E questi bisogni nella profumeria odierna cominciano ad avere tante voci. Alcune sottolineano l’importanza dell’uso di sostanze naturali e biologiche, perché il profumo è una “vibrazione naturale”, una forma di energia che ci arriva dal cuore delle piante, che non può essere sostituita quindi da molecole artificiali.  Altre continuano affermando ancora che proprio questa qualità energetica e vibratoria, così come quella degli oli essenziali costituenti il profumo, ha una funzione anche di tipo terapeutico, il profumo guarisce l’anima!

A questo proposito è interessante l’esperienza di Michael Roudnitska, testimone d’eccellenza di questi nuovi approcci nonché profumiere creatore di fragranze molto famose. Roudnitska afferma infatti che “i profumi stanno al prana, al respiro vitale, come la luce sta ai colori”. E ancora ricordando la saggezza paterna ne cita parole che sottolineavano come “la profumeria si trasformerà in “arte” solo quando cesserà di essere considerata un piacere estetico, e diventerà un mezzo per il raggiungimento di un fine superiore, come per esempio uno scopo spirituale della vita”.

I suoi seminari prevedono escursioni nella natura ed esercizi di meditazione e di silenzio per entrare in contatto profondo con l’essenza odorosa delle piante.

Afferma che occorre concentrare l’attenzione “non solo sulla piacevolezza degli aromi, ma soprattutto sulle emozioni che provocano in noi. Una sorta di “effetto vibratorio dei profumi” che agiscono anche a livello dei profumo chakrachakra». Infatti questi «possono essere attivati anche dagli odori». “Un accostamento, quello dei profumi ai chakra, che, con i mantra, costituisce un aiuto alla meditazione. Ciascun chakra è stimolato da almeno due essenze profumate. Il primo chakra è associato alla dolciastra essenza di patchouli e al massiccio odore di geranio. Il secondo al delicato gelsomino e al rinfrescante legno di sandalo. Il terzo alla rilassante camomilla e al corposo eucalipto. Il quarto alla dolce rosa e al tonificante ylang ylang. Il quinto, come il terzo, alla camomilla e all’eucalipto. Il sesto al profumo del ginepro e all’avvolgente rosmarino. Il settimo alla delicata lavanda e alla ferma e decisa fragranza di incenso”. OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un recupero di antiche pratiche, come spesso sta accadendo, in nome di una integrità del vivere davvero poco assecondata dalla nostra cultura. Una integrità che riparte dalla connessione con le energie della Natura, che ci assomigliano, che ci rispecchiano e ci guariscono. E i profumi sono appunto le piante e le loro essenze profumate, come costituenti di un percorso umano che riprende a dialogare con la matrice della propria Vita, la Natura a cui apparteniamo profondamente.

Le citazioni su Michael Roudnitska sono tratte da Yogajournal

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...